LA VIA SENZA BARRIERE

 

LA VIA DELLE ARTI MARZIALI

Le Arti Marziali sono avvolte da un' aura di mistero e segreto, molto spesso sono vittime delle sensazioni che cercano gli individualisti.  Le spiegazioni dei principi delle Arti Marziali sono di solito eccessivamente semplificate, fino a diventare insensate, e di conseguenza molto di ciò che sta nell'essenza dell'abilità delle Arti Marziali, è mal interpretato.

La funzione della scuola delle Arti Marziali, è di dimostrare e  spiegare con l'esempio l'immutabile messaggio che è all'origine dei vecchi Maestri.

Con la pratica corretta delle Arti Marziali, i singoli possono progredire fino ad altezze inimmaginabili, sviluppando gli effetti controllati a vicenda tra la mente.

Nelle vere Arti Marziali si trova meditazione praticata con  metodi dinamici.  L'unione delle Arti Marziali con la meditazione passiva è un lungo e buon lavoro.

All'origine, l'abilità nelle Arti Marziali era unita alla ricerca della più profonda consapevolezza del senso della vita.

Le Arti Marziali,  come hanno dimostrato i loro numerosi Maestri,  sono un sistema di meditazione sia passiva sia attiva, che produce l'integrità creativa della persona.

Quando il corpo è forte e abile,  il senso di sicurezza che lo pervade induce ad uno stato di calma e di serenità.  Questo stato è molto difficile da raggiungere e attraverso la lotta per la sua realizzazione,   si passa attraverso diverse fasi della comprensione di sé stessi.  Questi cicli di evoluzione sono la meta di ogni vero allievo.

A prima vista può sembrare che il raggiungimento di abilità nelle Arti Marziali non abbia niente a che fare con l' addestramento alla disciplina meditativa, ma non è così.  Le Arti Marziali sono una particolare meditazione attiva, adatta alla maggioranza delle persone che all' inizio non hanno la capacità di seguire la meditazione passiva.  Queste persone hanno bisogno dei benefici che offrono le Arti Marziali, perché le persone insicure ed instabili, allenandosi, scoprono il significato della vita. Perciò possiamo riconoscere che la giusta pratica delle Arti Marziali realizza non solo la dimensione fisica ma anche quella sociale.

Al giorno d'oggi l' energia di questo ideale è necessaria. Un ambizioso allievo di Arti Marziali, prima impara come essere cosciente del proprio corpo e poi come portarlo in armonia con la Natura.

Le Arti Marziali, derivando dallo yoga,  si servono di molti metodi da quest'ultimo usati.  Nella meditazione che si fa nelle antiche scuole di Arti Marziali si scopre che il segreto originale di questo addestramento è conservato senza modifiche e adattamenti di nessun tipo. Così l' allievo può avere  fiducia, nata dalla consapevolezza di essere sulla giusta Via, Via che è stata scoperta da migliaia di persone prima di lui.

Le Arti Marziali sono state esercitate come una scienza della Vita centinaia e centinaia di anni fa.  L'allievo conosce ciò che altri prima di lui hanno visto,  e che lui stesso desidera vedere sulla Via che sceglie di percorrere e di perfezionare.

Se l' allievo non è cosciente di questo immenso deposito di saggezza oppure studia solo per perfezionare la sua abilità nella lotta, presto arriverà in un vicolo cieco, che si trova dalla parte opposta e dove sarà impossibile evolversi.  Quando l'allievo che è orientato solo nella lotta giunge ad una certa età, diventa un uomo molto irascibile e deluso perché  non è più in grado di combattere.  E' chiaro che la gloria del combattimento è molto breve e passeggera, che manca di ogni valore duraturo e che, pertanto,  non vale la pena di dedicare la vita allo studio che ha un tale scopo.

D'altra parte la considerazione di un vero allievo è di non diventare inattivo anche se gli anni passano.  Nuovi significati compaiono sempre in ciò che egli fa.  Egli non raggiunge il massimo dell'interpretazione (la cima)  o la prossima linea che non può attraversare,  ma possiede corpo e  mente maturi, il corpo è incredibilmente agile, ancora capace di combattere, ma senza identificarsi in questo ideale.

I Maestri di molti Paesi anche in età molto avanzata, combattono ancora con i loro allievi,  non mancando loro nulla né in velocità né in forza.  Attraverso la loro comprensione della mente umana, possono evitare con facilità gli attacchi più complicati dei loro giovani allievi.  Anche se hanno un corpo più vecchio e più lento, sono in effetti più veloci nell' agire: questo è un fatto che non dobbiamo mai dimenticare.

 

Torna su