CORSO DI ALIMENTAZIONE 

 

Spesso s’identifica il sistema digestivo con quel tubo dì undici metri in cui il cibo passa e si trasforma per essere assimilato dal corpo. Questa valutazione conferma la vi­sione ristretta che abbiamo del nostro corpo, infatti il si­stema digestivo è una delle parti più importanti per la comunicazione tra l’ambiente interno e quello esterno, è un sistema altamente innervato, con attività nervose e ormonali complesse, a livello locale e sistemico. Il grado d’intelligenza e coordinazione dimostrato da questa area del corpo è impressionante, soprattutto se pensiamo che non ha nemmeno bisogno di una nostra partecipa­zione cosciente per funzionare bene.

Nella medicina Ayurvedica si ritiene che la salute e il be­nessere dipendano in gran parte da come il sistema di­gestivo riesce a nutrire l’organismo: non conta solo la qualità delle sostanze che si mangiano ma anche come queste sono trasformate e assimilate.

La verità non è co­me dice il vecchio adagio, che siamo ciò che man­giamo, ma piuttosto che siamo ciò che assimiliamo.

Oltre all’assimilazione, un’altra funzione importante del tratto digestivo è l’eliminazione. Non tutto ciò che in­geriamo è digeribile e una parte deve essere eliminata come quella che forma il consistente insieme dei rifiuti endogeni. L’Ayurveda dà molta importanza alle con­dizioni del sistema intestinale e a quelle delle feci, per ché ritiene che esercitino un grande influsso sull’intera fisiologia.

Inoltre vi è un’interazione costante fra la mente e il si­stema digestivo: le emozioni influenzano la funzione e la struttura dei tessuti digestivi e viceversa; spesso si ha un’immediata risposta digestiva a paura, agitazione, in­fatuazioni, nervosismo e a ogni forma di stress. La die­tetica Ayurvedica va affrontata tenendo sempre presenti queste relazioni psicofisiologiche.

Secondo l’Ayurveda, la dieta deve essere in relazione con la stagione, la costituzione dell’individuo e gli squilibri presenti a livello dei dosha. Molti libri sull’Ayurveda pro­pongono diete basate solo sul tipo costituzionale, ma in realtà dovrebbero essere presi in considerazione tutti e tre i fattori. Se l’individuo è in salute oppure presenta sol­tanto lievi alterazioni dei dosha, la dieta deve essere allo­ra prescritta in base alla stagione in corso, con alcune modifiche relative alla costituzione.

  

Durante il corso verranno trattati i seguenti argomenti:

 

Ø      STORIA DELL’AYURVEDA

Ø      LEGGE DELLA NATURA

Ø      LE 3 GUNE

Ø      LA LEGGE DEI TRE DOSHA NELLE 24 ORE

Ø      6 GUSTI

Ø      7 COLORI

Ø      COMBINAZIONE DEGLI ALIMENTI

Ø      REGOLE DI UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Ø      ROUTINE GIORNALIERA

Ø      INFLUENZA DEI PIANETI, DELLE STELLE, DELLE STAGIONI E DEI GIORNI

      DELLA SETTIMANA SULL’ALIMENTAZIONE

Ø      VIDEO SUI TRATTAMENTI DELLA MEDICINA AYURVEDICA (15 MINUTI)

 

Il corso è della durata di 2 giorni.