PSICOLOGIA

                                                                                             

La psicologia di Gurdjieff é molto differente da tutto ciò che potete conoscere sotto questo nome.

Per cominciare dobbiamo dire che mai, in nessuna epoca, la psicologia si é trovata a un livello tanto basso. Essa ha perso ogni contatto con la sua origine e col suo significato, a tal punto che ora é difficile definire il termine "psicologia": cioè stabilire cosa sia la psicologia e cosa essa studi. E questo benché mai nel passato siano esistite tante teorie psicologiche e tanti libri di psicologia come oggi. La psicologia viene talvolta definita una scienza nuova. Questo é completamente sbagliato. La psicologia é forse la scienza più antica, e sfortunatamente, nei suoi aspetti più essenziali, é una scienza dimenticata. Nell'antichità, prima che filosofia, religione ed arte avessero adottato le forme indipendenti che conosciamo attualmente, la psicologia trovava la sua espressione nei Misteri, come quelli dell'Egitto e della Grecia antica. Più tardi, dopo la scomparsa dei Misteri, la psicologia sopravisse sottoforma di insegnamenti simbolici, talvolta legati alla religione dell'epoca e talvolta no, come l'astrologia, l'alchimia, la magia, e fra i più  moderni, la massoneria, l'occultismo e la teosofia. Per comprendere come può essere definita la psicologia occorre rendersi conto che la psicologia, eccetto che nei tempi moderni, non é mai esistita con il suo proprio nome. Per varie ragioni essa é sempre stata sospettata di tendenze false o sovversive di carattere religioso o politico o morale e ha sempre dovuto nascondersi sotto differenti aspetti. Durante migliaia d'anni la psicologia é esistita sotto il nome di filosofia. In India, tutte le forme di yoga, che si basano essenzialmente sulla psicologia, sono considerate come uno dei sei sistemi della filosofia. Gli insegnamenti suffi, che sono principalmente d'ordine psicologico, sono considerati in parte religiosi e in parte metafisici. In Europa, ancora recentemente, alla fine del secolo scorso molti trattati di psicologia venivano citati come opere di "filosofia".

Benché quasi tutte le suddivisioni della filosofia, come la logica, la teoria della conoscenza, l'etica e l'estetica, si riferiscono alle attività del pensiero umano e dei sensi, la psicologia veniva considerata come inferiore alla filosofia e in rapporto soltanto con gli aspetti più bassi e più triviali della natura umana. Parallelamente alla sua esistenza sotto il nome di filosofia, la psicologia esistette ancora più a lungo associata a questa o quell'altra religione. Ciò non vuol dire che religione e psicologia siano mai state una sola e identica cosa, né che il rapporto tra religione e psicologia sia stato riconosciuto. Ma é fuori dubbio che quasi tutte le religioni note (escluse evidentemente le pseudo - religioni moderne) hanno sviluppato questa o quella forma di insegnamento psicologico, che si integrava sovente con una certa pratica, così che lo studio della religione molto spesso includeva quello della psicologia. Si trovano eccellenti opere sulla psicologia nella letteratura religiosa più ortodossa di differenti paesi ed epoche: ad esempio, la raccolta di scritti di autori diversi che risale ai primi tempi del cristianesimo, conosciuti col titolo generale di "Filocalia". Testi ancora in uso ai nostri giorni nella chiesa ortodossa, riservati specialmente all'istruzione dei monaci.

Al tempo in cui la psicologia era legata alla filosofia e alla religione, essa esisteva anche sottoforma di arte. Poesia, tragedia, scultura, danza e la stessa architettura erano mezzi di trasmissione della conoscenza psicologica.

A questo punto occorre notare che tutti i sistemi e le dottrine psicologiche, quelli che sono esistiti o che esistono apertamente, come quelli che sono nascosti o mascherati, possono dividersi in due categorie principali.

 

La prima: le dottrine che studiano l'uomo così come lo trovano o come suppongono o immaginano che egli sia. La moderna psicologia "scientifica", ciò che é conosciuto sotto tale nome, appartiene a questa categoria.

 

La seconda: le dottrine che studiano l'uomo non già dal punto di vista di ciò che é o di ciò che sembra essere, bensì dal punto di vista della sua evoluzione possibile. Queste ultime dottrine sono in realtà quelle originali, o in ogni caso le più antiche, e soltanto esse possono far comprendere l'origine dimenticata della psicologia e il suo vero significato.

 

Torna su